Fashion week e le sfilate speciali: come cambia l’incontro tra la moda e i mass media.

Una nuova formula di evento contraddistingue le più grandi case di moda: sfilate speciali, itineranti o chiamate anche eventi satelliti completamente dedicate a collezioni pre-stagionali o anniversari particolari.

Le nuove tempistiche dei luxory brand stanno rimodellando il sistema di promozione tradizionale, indebolendo le fashion week, soprattutto quelle di New York e Londra. Molti sono i fattori di questo cambiamento: la rapidità delle produzioni e la nuova strategia del “ see now, buy now” che permette di acquistare subito on line prodotti della stagione in corso. L’intervallo di sei mesi tra la presentazione delle collezioni e la messa in vendita affievolisce il desiderio degli acquirenti che vogliono ora ciò che vedono sfilare.

Inoltre l’importanza crescente dei blogger e dei social, affiancato dalla crisi della stampa, hanno portato all’affermazione di questi eventi spettacolari organizzati in qualsiasi città del mondo. Certo i costi sono ingenti, in termini economici ed ambientali, ma l’impatto mediatico è assicurato ed immediato.

Le fashion week, come le conosciamo noi oggi, si sono sviluppate a partire dalle “ semaines des defiles” parigine di inizio Novecento, quando i venditori facevano indossare gli abiti nei ristoranti o nelle sale da thè. Ma fu Luigi XIV, molto prima, a trasformare Parigi nel centro dell’industria tessile per giornalisti e acquirenti di tutto il mondo.

Successivamente a New York, anche i grandi magazzini iniziarono ad organizzare presentazioni simili e visto che, durante la seconda guerra mondiale, era impossibile raggiungere Parigi, le settimane della moda presero sempre più piede in America. La New York Fashion Week nacque ufficialmente nel 1993 e raggiunse il picco negli anni novanta grazie alla serie tv Sex and the city e la presenza di celebrità alle sfilate. Continuò così fino agli anni duemila fino alla crisi globale del 2008.

Oggi le sfilate vengono trasmesse in streaming o su youtube, e internet ma soprattutto i social hanno favorito la democratizzazione della moda che arriva a tutti. E’ per questo che eventi spettacolari, mai scontati, come quello di Dior a Marrakech, di Giorgio Armani a Tokyo o di Fendi con il suo tributo a Karl Lagerfeld subito postati e condivisi generano un traffico web e social senza paragoni portando la moda ad interagire immediatamente con le persone e con gli acquirenti di tutto il mondo.

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami

spedizione gratuita

Le nostre calzature vengono
spedite in tutto il mondo.
Vedi i nostri metodi di spedizione

100% pagamenti sicuri

Sicuri con PayPal il metodo più usato nel mondo
per la vendita online
Come funziona PayPal

servizio clienti

+39 334 2980441 // customercare@massimomelchiorri.it
lunedì al venerdì h: 09.30 12.30 // 15.30 18.00
Vai alla pagina per richieste via email

© 2019 Massimo Melchiorri All rights reserved | Massimo Melchiorri Designer Largo Castelfidardo, 14/16 62012 Civitanova Marche (MC) - Italy | Part. IVA 01721600433 | powered by Isabell Srl | sitemap Info Shop Massimo Melchiorri